Qualità delle acque destinate al consumo umano

Per essere potabile l’acqua non deve contenere virus, batteri e sostanze chimiche nocive. Inoltre l’acqua deve anche essere gradevole al gusto e dunque, in linea di massima, incolore, inodore ed insapore. Infine, per essere considerata perfettamente potabile, l’acqua deve contenere la giusta quantità di sali minerali.
Le caratteristiche che l’acqua deve necessariamente possedere per essere considerata potabile sono definite dal D.P.R. n.236/88 e dal D.Lgs. n.31/2001.

Controlli
Per assicurare la continuità e la qualità del servizio, il Gestore esegue sistematici controlli analitici, attraverso l’attività del Laboratorio d’Analisi Aziendale.

Il laboratorio è in grado di rilevare i parametri indicati dalla normativa vigente, sopra enunciata, ossia:

▪ microbiologici (coliformi totali, streptococchi fecali, ecc..)
▪ chimico-fisici (calcio, solfati, cloruri, ecc..)
▪ organolettici (sapore, odore, colore, ecc..)

Le acque analizzate sono prelevate a partire dalle fonti d’approvvigionamento fino alle reti di distribuzione. La frequenza ed il numero dei campionamenti, viene stabilita in base alle caratteristiche dell’acqua distribuita, alle dimensioni del bacino di utenza, agli impianti di potabilizzazione utilizzati, ai materiali impiegati per la realizzazione della rete.

Riprendendo le indicazioni del D. Lgs.31/2001 e s.m.i. i servizi e i presidi delle aziende sanitarie locali eseguono prelievi e controlli analitici sulle acque destinate al consumo umano.

Sulla base dei risultati delle analisi, sono avviati o aggiornati dei piani d’intervento volti ad assicurare che le caratteristiche dell’acqua erogata siano sempre conformi ai parametri di legge.

Il processo di disinfezione finale, realizzato con prodotti chimici ad attività residua, è sempre definito in modo da assicurare la potabilità dell’acqua e nello stesso tempo parametrato alla minore incidenza negativa sulle caratteristiche organolettiche.

Su segnalazione dei clienti, in caso di problemi sulla qualità dell’acqua, il Gestore garantisce l’intervento nell’arco delle 12h e, ove necessario, attiva gli interventi necessari per far rientrare nei parametri di legge la qualità delle acque ivi compresa l’unità mobile d’analisi per la verifica della bontà degli interventi effettuati. In caso di segnalazione non motivata il costo dell’intervento di verifica sarà a carico del cliente.

Resta inteso, ovviamente, che tra i controlli vanno ricompresi, come previsto dal D.Lgs.31/2001, anche i servizi e presidi delle aziende sanitarie locali che eseguono prelievi e controlli analitici sulle acque destinate al consumo umano.

 

Analisi Acque