La Storia

Il Consorzio di depurazione acque (C.I.R.A.) opera nell’ambito dei Comuni Consorziati di Cairo Montenotte, Carcare , Dego, Altare e nei comuni convenzionati di Cosseria, Plodio, Bormida, Mallare e Pallare.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

L’impianto di depurazione consortile attivato nel novembre 1998 e gestito direttamente dal Consorzio C.I.R.A., opera nell’ambito Valbormidese e il collettore principale di adduzione dei reflui all’impianto ubicato a Dego in località Piano, si snoda per una lunghezza di circa 26 Km lungo la valle dei fiumi Bormida di Pallare e di Mallare nei loro tratti terminali, per proseguire nel tratto iniziale del fiume Bormida di Spigno, originato dalla confluenza dei due in località Bivio Farina di Cairo M.tte.

Questo bacino è ubicato nel Distretto Idrografico Padano del Fiume Po e pertanto recapita i reflui depurati in area sensibile, con il raggiungimento delle concentrazioni limite indicate nell’apposita tabella di riferimento della normativa vigente , per i parametri azoto totale e fosforo totale.

L’area interessata dall’intervento di risanamento idrico comprende una superficie totale di 200 km2 nella quale vivono oltre 27.000 persone e si trovano le maggiori aree industriali del territorio.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

L’impianto di depurazione, rappresenta un punto di partenza per il risanamento e la tutela dell’ambiente nell’ambito territoriale interessato. Tratta i reflui urbani e industriali per un totale di circa 45.000 abitanti equivalenti.

Gli insediamenti produttivi possono scaricare i loro reflui industriali all’impianto di depurazione consortile ed occorre rimarcare che l’allaccio allo stesso è uno dei requisiti primari per il regolamento CEE (EMAS) ai fini di ottenere le certificazioni UNI EN ISO.
Dal 2006 è attivo un comparto atto a ricevere gli autospurghi sia dal C.I.R.A. che dalle ditte private, effettuando il trattamento iniziale dei reflui provenienti dalle fosse Imhoff e dalla pulizia della rete fognaria sia privata che comunale.

Il C.I.R.A. è dotato di mezzi propri per intervenire con proprio personale nell’ambito di sua competenza e presso gli impianti ubicati nei Comuni consorziati e nel comprensorio dell’Ambito di appartenenza ATO Ovest 2 Savonese che comprende i 23 comuni dell’Area Padana della Provincia di Savona.